23 Views

10 Luglio 2024
CINGHIALI. COLDIRETTI: AREE COLTIVATE NON DEVONO ESSERE VOCATE AI CINGHIALI; E DALLA GIUNTA TOSCANA ARRIVANO LE PRIME RISPOSTE

Dopo grande mobilitazione del 4 luglio

Consentiti gli abbattimenti anche per i dipendenti delle aziende agricole e interventi della Polizia Provinciale più celeri. Risorse per il monitoraggio del rischio Peste Suina Africana in Lunigiana.

Il ruolo di Pistoia

Se si vuole mangiare noi dobbiamo coltivare e le aree coltivate non devono essere vocate ai cinghiali. Parole chiare e drammatiche che hanno dato i primi frutti pronunciate da Michela Nieri, leader di Coldiretti Donne Pistoia e Toscana. “Dopo la mobilitazione Coldiretti del 4 luglio -spiega Paolo Giorgi, vicepresidente di Coldiretti Pistoia-, Regione Toscana ha emanato immediatamente una delibera che va nella giusta direzione, per fermare l’ondata di animali selvatici che danneggia tutte le colture della nostra provincia e di tutta Italia: mais e girasoli, uliveti e vigneti, campi di patate e di grano, vivai, allevamenti e tutti i cittadini. Diciamo grazie ai tanti pistoiesi che si sono impegnati, dai nostri soci ai tanti rappresentanti istituzionali pistoiesi presenti alla mobilitazione del 4 luglio a Firenze in Piazza Duomo. Ma la mobilitazione continuerà finché cinghiali & Co non saranno sotto controllo”.

E Coldiretti Toscana tutta apprezza quanto ottenuto con la delibera regionale, che in sintesi prevede.

Anche i dipendenti abilitati delle aziende agricole potranno ora procedere agli abbattimenti nei terreni di proprietà mentre la Polizia Provinciale avrà 24 ore, quindi tempi molto più corti, per autorizzare gli interventi richiesti dagli agricoltori e dai conduttori dei terreni per salvare le loro coltivazioni dalle scorribande dei cinghiali. Stanziate le prime risorse (20 mila euro) per l’acquisto delle celle frigorifero e allestimento dei centri di raccolta finalizzate al monitoraggio della Peste Suina Africana nelle aree dei sette comuni della Lunigiana dove sono state attivate le restrizioni e le misure per scongiurare la sua diffusione.

Sono i primi risultati, e le prime risposte alle specifiche richieste, della grande mobilitazione di Coldiretti che aveva richiamato, sotto la sede della Regione Toscana, 4 mila agricoltori da ogni angolo della regione. Una mobilitazione senza precedenti a tutela delle aziende agricole ma anche dei cittadini.

Ricca la presenza pistoiese, a testimonianza della degenerazione del fenomeno sul nostro territorio che l’eccesso di selvatici comporta. Sensibilità dimostrata anche dalle istituzioni, con ben tre consiglieri provinciali presenti: Luciana Bartolini, Marco Niccolai, Alessandro Capecchi, oltre a sindaci e altri rappresentanti di oltre la metà dei comuni pistoiesi.

L’esplosione demografica dei cinghiali, e più in generale la fauna selvatica, rappresenta oggi un’emergenza economica, sociale, ambientale, sanitaria e di sicurezza pubblica. Le novità sono contenute nella delibera approvata, lunedì 8 luglio, dalla Giunta Regionale.

“E’ con soddisfazione che apprendiamo della delibera che testimonia l’attenzione della Giunta regionale verso il mondo dell’agricoltura. – spiega Coldiretti Toscana - Ringraziamo in particolare la Vicepresidente Stefania Saccardi e il Governatore, Eugenio Giani per aver confermato gli impegni presi con gli agricoltori in piazza in occasione della nostra mobilitazione. Ma come è chiaro a tutti il problema non è rappresentato dalla sola specie dei cinghiali che scorrazzano a piede libero nelle nostre campagne ed ormai nelle nostre città. In questo senso auspichiamo una rapida approvazione da parte dell’Ispra del piano straordinario di contenimento delle altre 21 specie che hanno invaso la nostra regione”.

L’azione di Coldiretti, che a Firenze si è presentata con il sostegno di oltre cinquanta sindaci con la fascia tricolore, non si esaurisce qui. Il grande bersaglio si chiama “Piano Faunistico Venatorio” che è lo strumento di gestione e controllo della fauna selvatica sul territorio per cui Coldiretti chiede ora un vero cambio di passo e di prospettiva per la salvaguardia della produzione agricola e la sicurezza dei cittadini. “Coldiretti ha chiesto che tutte le aree produttive, come da fascicolo di Artea, siano considerate zone non vocate alla presenza della fauna selvatica. Questa richiesta è stata recepita positivamente dalla vice presidente Saccardi che con i suoi uffici sta lavorando alla redazione del nuovo piano faunistico venatorio. Una posizione, la nostra, che ha incontrato il sostento dei rappresentanti del consiglio regionale che sono saliti con noi sul palco di Piazza del Duomo”.

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi